DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n.187

Attuazione della direttiva 2002/44/CE sulle prescrizioni minime di

sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai

rischi derivanti da vibrazioni meccaniche.

(GU n. 220 del 21-9-2005)

testo in vigore dal: 6-10-2005

 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Vista la legge 31 ottobre 2003, n. 306 (legge comunitaria 2003);

Vista la direttiva 2004/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 giugno 2002,

relativa alle prescrizioni minime di sicurezza e salute relative all'esposizione dei lavoratori

ai rischi derivanti dagli agenti fisici (vibrazioni);

Visto il decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni;

Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 20

maggio 2005;

Acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le

province autonome di Trento e di Bolzano;

Acquisiti i pareri delle competenti commissioni della Camera dei deputati e del Senato

della Repubblica;

Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 29 luglio 2005;

Sulla proposta del Ministro per le politiche comunitarie e del Ministro del lavoro e delle

politiche sociali, di concerto con i Ministri degli affari esteri, della giustizia, dell'economia e

delle finanze, della salute, delle attività produttive, per gli affari regionali e per la funzione

pubblica;

E m a n a

il seguente decreto legislativo:

Art. 1. Campo di applicazione

1. Fermo restando quanto previsto dal decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, il

presente decreto legislativo prescrive le misure per la tutela della salute e della sicurezza

dei lavoratori che sono esposti o possono essere esposti a rischi derivanti da vibrazioni

meccaniche.

2. Nei riguardi dei soggetti indicati all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 19

settembre 1994, n. 626, le disposizioni del presente decreto sono applicate tenuto conto

delle particolari

esigenze connesse al servizio espletato individuate con il provvedimento di cui al

medesimo articolo 1, comma 2.

Avvertenza:

Nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - del 5 ottobre 2005 si procederà alla

ripubblicazione del testo della presente legge corredata delle relative note, ai sensi dell'art.

8, comma 3, del regolamento di esecuzione del testo unico delle disposizioni sulla

promulgazione delle leggi, sulla emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e

sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con decreto del Presidente

della Repubblica 14 marzo 1986, n. 217.

Art. 2. Definizioni

1. Ai fini del presente decreto legislativo, si intende per:

a) vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: le vibrazioni meccaniche che, se

trasmesse al sistema mano-braccio nell'uomo, comportano un rischio per la salute e la

 

sicurezza dei lavoratori, in particolare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o

muscolari;

b) vibrazioni trasmesse al corpo intero: le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al

corpo intero, comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare

lombalgie e traumi del rachide.

Art. 3. Valori limite di esposizione e valori di azione

1. Per le vibrazioni tramesse al sistema mano-braccio:

a) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8

ore, è fissato a 5 m/s2;

b) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, che fa

scattare l'azione è fissato a 2,5 m/s2.

2. Per le vibrazioni trasmesse al corpo intero:

a) il valore limite di esposizione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8

ore, è fissato a 1,15 m/s2;

b) il valore d'azione giornaliero, normalizzato a un periodo di riferimento di 8 ore, è fissato

a 0,5 m/s2.

Art. 4. Valutazione dei rischi

1. Nell'assolvere gli obblighi stabiliti dall'articolo 4 del decreto legislativo 19 settembre

1994, n. 626, il datore di lavoro valuta e, nel caso non siano disponibili informazioni

relative ai livelli di vibrazione presso banche dati dell'ISPESL, delle regioni o del CNR o

direttamente presso i produttori o fornitori, misura i livelli di vibrazioni meccaniche a cui i

lavoratori sono esposti.

2. L'esposizione dei lavoratori alle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio è valutata

o misurata in base alle disposizioni di cui all'allegato I, parte A.

3. L'esposizione dei lavoratori alle vibrazioni trasmesse al corpo intero è valutata o

misurata in base alle disposizioni di cui all'allegato I, parte B.

4. Il livello di esposizione alle vibrazioni meccaniche può essere valutato mediante

l'osservazione delle condizioni di lavoro specifiche e il riferimento ad appropriate

informazioni sulla probabile entità delle vibrazioni per le attrezzature o i tipi di attrezzature

in particolari condizioni di uso, incluse le informazioni fornite in materia dal costruttore

delle attrezzature.

Questa operazione va distinta dalla misurazione, che richiede l'impiego di attrezzature

specifiche e di una metodologia appropriata.

5. La valutazione e la misurazione di cui al comma 1 devono essere programmate ed

effettuate a intervalli idonei sulla base di quanto emerso dalla valutazione del rischio da

personale adeguatamente qualificato nell'ambito del servizio di cui all'articolo 8 del decreto

legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e i relativi risultati devono essere riportati nel

documento di cui all'articolo 4, comma 2, del medesimo decreto.

6. Ai fini della valutazione di cui al comma 1, il datore di lavoro tiene conto, in particolare,

dei seguenti elementi:

a) il livello, il tipo e la durata dell'esposizione, ivi inclusa ogni esposizione a vibrazioni

intermittenti o a urti ripetuti;

b) i valori limite di esposizione e i valori d'azione specificati nell'articolo 3;

c) gli eventuali effetti sulla salute e sulla sicurezza dei lavoratori particolarmente sensibili al

rischio;

d) gli eventuali effetti indiretti sulla sicurezza dei lavoratori risultanti da interazioni tra le

vibrazioni meccaniche e l'ambiente di lavoro o altre attrezzature;

e) le informazioni fornite dal costruttore dell'attrezzatura di lavoro;

f) l'esistenza di attrezzature alternative progettate per ridurre i livelli di esposizione alle

vibrazioni meccaniche;

g) il prolungamento del periodo di esposizione a vibrazioni trasmesse al corpo intero al di

là delle ore lavorative, in locali di cui è responsabile;

h) condizioni di lavoro particolari, come le basse temperature;

 

i) informazioni raccolte dalla sorveglianza sanitaria, comprese, per quanto possibile, quelle

reperibili nella letteratura scientifica.

7. La valutazione dei rischi deve essere documentata conformemente all'articolo 4 del

decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e include la giustificazione che la natura e

l'entità dei rischi connessi con le vibrazioni meccaniche rendono non necessaria una

valutazione maggiormente dettagliata dei rischi.

8. Il datore di lavoro aggiorna la valutazione dei rischi periodicamente, e in ogni caso

senza ritardo se vi sono stati significativi mutamenti ai fini della sicurezza e della salute dei

lavoratori che potrebbero averla resa superata, oppure quando i risultati della sorveglianza

sanitaria ne richiedano la necessità.

Art. 5. Misure di prevenzione e protezione

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 3 del decreto legislativo 19 settembre 1994,

n. 626, il datore di lavoro elimina i rischi alla fonte o li riduce al minimo e, in ogni caso, a

livelli non superiori ai valori limite di esposizione.

2. In base alla valutazione dei rischi di cui all'articolo 4, quando sono superati i valori

d'azione, il datore di lavoro elabora e applica un programma di misure tecniche o

organizzative, volte a ridurre al minimo l'esposizione e i rischi che ne conseguono,

considerando in particolare quanto segue:

a) altri metodi di lavoro che richiedono una minore esposizione a vibrazioni meccaniche;

b) la scelta di attrezzature di lavoro adeguate concepite nel rispetto dei principi ergonomici

e che producono, tenuto conto del lavoro da svolgere, il minor livello possibile di vibrazioni;

c) la fornitura di attrezzature accessorie per ridurre i rischi di lesioni provocate dalle

vibrazioni, quali sedili che attenuano efficacemente le vibrazioni trasmesse al corpo intero

e maniglie o guanti che attenuano la vibrazione trasmessa al sistema mano-braccio;

d) adeguati programmi di manutenzione delle attrezzature di lavoro, del luogo di lavoro e

dei sistemi sul luogo di lavoro;

e) la progettazione e l'organizzazione dei luoghi e dei posti di lavoro;

f) l'adeguata informazione e formazione dei lavoratori sull'uso corretto e sicuro delle

attrezzature di lavoro, in modo da ridurre al minimo la loro esposizione a vibrazioni

meccaniche;

g) la limitazione della durata e dell'intensità dell'esposizione;

h) l'organizzazione di orari di lavoro appropriati, con adeguati periodi di riposo;

i) la fornitura, ai lavoratori esposti, di indumenti per la protezione dal freddo e dall'umidità.

3. Se, nonostante le misure adottate, il valore limite di esposizione è stato superato, il

datore di lavoro prende misure immediate per riportare l'esposizione al di sotto di tale

valore, individua le cause del superamento e adatta di conseguenza le misure di

protezione e prevenzione per evitare un nuovo superamento.

Art. 6. Informazione e formazione dei lavoratori

1. Nell'ambito degli obblighi di cui agli articoli 21 e 22 del decreto legislativo 19 settembre

1994, n. 626, il datore di lavoro garantisce che i lavoratori esposti a rischi derivanti da

vibrazioni meccaniche sul luogo di lavoro ricevano informazioni e una formazione

adeguata sulla base della valutazione dei rischi di cui all'articolo 4, con particolare

riguardo:

a) alle misure adottate volte a eliminare o a ridurre al minimo i rischi derivanti dalle

vibrazioni meccaniche;

b) ai valori limite di esposizione e ai valori d'azione;

c) ai risultati delle valutazioni e misurazioni delle vibrazioni meccaniche effettuate in

applicazione dell'articolo 4 e alle potenziali lesioni derivanti dalle attrezzature di lavoro

utilizzate;

d) all'utilità e al modo di individuare e di segnalare sintomi di lesioni;

e) alle circostanze nelle quali i lavoratori hanno diritto a una sorveglianza sanitaria;

f) alle procedure di lavoro sicure per ridurre al minimo l'esposizione a vibrazioni

meccaniche.

 

Art. 7. Sorveglianza sanitaria

1. I lavoratori esposti a livelli di vibrazioni superiori ai valori d'azione sono sottoposti alla

sorveglianza sanitaria di cui all'articolo 16 del decreto legislativo 19 settembre 1994, n.

626. La sorveglianza viene effettuata periodicamente, di norma una volta l'anno o con

periodicità diversa decisa dal medico competente con adeguata motivazione riportata nel

documento di valutazione dei rischi e resa nota ai rappresentanti per la sicurezza di

lavoratori in funzione della valutazione del rischio. L'organo di vigilanza, con

provvedimento motivato può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza sanitaria

diversi rispetto a quelli forniti dal medico

competente.

2. I lavoratori esposti a vibrazioni sono altresì sottoposti alla sorveglianza sanitaria di cui

all'articolo 16 del citato decreto legislativo n. 626 del 1994, quando, secondo il medico

competente, si verificano congiuntamente le seguenti condizioni: l'esposizione dei

lavoratori alle vibrazioni è tale da rendere possibile l'individuazione di un nesso tra

l'esposizione in questione e una malattia identificabile o ad effetti nocivi per la salute ed è

probabile che la malattia o gli effetti sopraggiungano nelle particolari condizioni di lavoro

del lavoratore ed esistono tecniche sperimentate che consentono di individuare la malattia

o gli effetti nocivi per la salute.

3. Nel caso in cui la sorveglianza sanitaria riveli, in un lavoratore, l'esistenza di anomalie

imputabili ad esposizione a vibrazioni, il medico competente informa il datore di lavoro di

tutti i dati significativi emersi dalla sorveglianza sanitaria tenendo conto del segreto

medico.

4. Nel caso di cui al comma 3, il datore di lavoro:

a) sottopone a revisione la valutazione dei rischi effettuata a norma dell'articolo 4;

b) sottopone a revisione le misure predisposte per eliminare o ridurre i rischi;

c) tiene conto del parere del medico competente nell'attuazione delle misure necessarie

per eliminare o ridurre il rischio;

d) prende le misure affinché sia effettuata una visita medica straordinaria per tutti gli altri

lavoratori che hanno subito un'esposizione simile.

Art. 8. Cartelle sanitarie e di rischio

1. Il medico competente, per ciascuno dei lavoratori di cui all'articolo 7, provvede ad

istituire e aggiornare una cartella sanitaria e di rischio, secondo quando previsto

dall'articolo 17, comma 1, lettera d), del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626.

Nella cartella sono, tra l'altro, riportati i valori di esposizione individuali comunicati dal

datore di lavoro per il tramite del servizio di prevenzione e protezione.

Art. 9. Deroghe

1. Nei settori della navigazione marittima e aerea, il datore di lavoro, in circostanze

debitamente giustificate, può richiedere la deroga, limitatamente al rispetto dei valori limite

di esposizione per il corpo intero qualora, tenuto conto della tecnica e delle caratteristiche

specifiche dei luoghi di lavoro, non sia possibile rispettare tale valore limite nonostante le

misure tecniche e organizzative messe in atto.

2. Nel caso di attività lavorative in cui l'esposizione di un lavoratore alle vibrazioni

meccaniche è abitualmente inferiore ai valori di azione, ma varia sensibilmente da un

momento all'altro e può occasionalmente superare il valore limite di esposizione, il datore

di lavoro può richiedere la deroga al rispetto dei valori limite a condizione che il valore

medio dell'esposizione calcolata su un periodo di 40 ore sia inferiore al valore limite di

esposizione e

si dimostri, con elementi probanti, che i rischi derivanti dal tipo di esposizione cui è

sottoposto il lavoratore sono inferiori a quelli derivanti da un livello di esposizione

corrispondente al valore limite.

3. Le deroghe di cui ai commi 1 e 2 sono concesse, per un periodo massimo di quattro

anni, dall'organo di vigilanza territorialmente competente che provvede anche a darne

 

comunicazione, specificando le ragioni e le circostanze che hanno consentito la

concessione delle stesse, al Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Le deroghe sono

rinnovabili e possono essere revocate quando vengono meno le circostanze che le hanno

giustificate.

4. La concessione delle deroghe di cui ai commi 1 e 2 è condizionata all'intensificazione

della sorveglianza sanitaria.

5. Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali trasmette ogni quattro anni alla

Commissione della Unione europea un prospetto dal quale emergano circostanze e motivi

delle deroghe concesse ai sensi del presente articolo.

Art. 10. Adeguamenti normativi

1. Con decreto dei Ministri del lavoro e delle politiche sociali e della salute d'intesa con la

Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di

Trento e Bolzano, si provvede all'aggiornamento dell'allegato I che si renda necessario a

seguito di modifiche delle direttive comunitarie.

Art. 11. Clausola di cedevolezza

1. In relazione a quanto disposto dall'articolo 117, quinto comma, della Costituzione le

norme del presente decreto afferenti a materie di competenza legislativa delle regioni e

delle province autonome di Trento e di Bolzano, che non abbiano ancora provveduto al

recepimento della direttiva 2002/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25

giugno 2002, si applicano fino alla data di entrata in vigore della normativa di attuazione di

ciascuna regione e provincia autonoma, nel rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento

comunitario e dei principi fondamentali desumibili dal presente decreto.

Art. 12. Sanzioni

1. Il datore di lavoro è punito con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da euro

1.500 a euro 4.000 per la violazione dell'articolo 4, commi 1, 7 e 8, e dell'articolo 7, comma

4, lettere a) e b).

2. Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti con l'arresto da tre a sei mesi o con

l'ammenda da euro 1.500 a euro 4.000 per la violazione dell'articolo 4, commi 2, 3, 5 e 6, e

dell'articolo 5,

comma 2.

3. Il medico competente è punito con l'arresto fino a due mesi o con l'ammenda da euro

500 a euro 3.000 per la violazione dell'articolo 7, comma 3.

Art. 13. Entrata in vigore ed abrogazioni

1. Gli obblighi di misurazione e valutazione di cui all'articolo 4 del presente decreto

decorrono dalla data del 1° gennaio 2006.

2. In caso di attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori anteriormente al 6

luglio 2007 e che non permettono il rispetto dei valori limite di esposizione tenuto conto del

progresso tecnico e delle misure organizzative messe in atto, l'obbligo del rispetto dei

valori limite di esposizione di cui all'articolo 3 entra in vigore il 6 luglio 2010.

3. Per il settore agricolo e forestale l'obbligo del rispetto dei valori limite di esposizione di

cui all'articolo 3, ferme restando le condizioni di cui al comma 2, entra in vigore il 6 luglio

2014.

4. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto sono abrogati l'articolo 24 del

decreto del Presidente della Repubblica 19 marzo 1956, n. 303, e la voce 48 della tabella

delle lavorazioni di cui all'articolo 33 del medesimo decreto n. 303 del 1956.

5. All'attuazione del presente decreto le Amministrazioni pubbliche provvedono nell'ambito

degli ordinari stanziamenti di bilancio e con le dotazioni umane, strumentali e finanziarie

disponibili a legislazione vigente, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sarà inserito nella Raccolta ufficiale degli

atti normativi della Repubblica italiana.

 

È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addì 19 agosto 2005

CIAMPI

Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

La Malfa, Ministro per le politiche comunitarie

Maroni, Ministro del lavoro e delle politiche sociali

Fini, Ministro degli affari esteri

Castelli, Ministro della giustizia

Siniscalco, Ministro dell'economia e delle finanze

Storace, Ministro della salute

Scajola, Ministro delle attività produttive

La Loggia, Ministro per gli affari regionali

Baccini, Ministro per la funzione pubblica

Visto, il Guardasigilli: Castelli

Allegato I (art. 4, commi 2 e 3)

A. Vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio.

1. Valutazione dell'esposizione.

La valutazione del livello di esposizione alle vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio

si basa principalmente sul calcolo del valore dell'esposizione giornaliera normalizzato a un

periodo di riferimento di 8 ore, A (8), calcolato come radice quadrata della somma dei

quadrati (valore totale) dei valori quadratici medi delle accelerazioni ponderate in

frequenza, determinati sui tre assi ortogonali (ahwx, ahwy, ahwz) conformemente ai

capitoli 4 e 5 e all'allegato A della norma ISO 5349-1 (2001).

La valutazione del livello di esposizione può essere effettuata sulla base di una stima

fondata sulle informazioni relative al livello di emissione delle attrezzature di lavoro

utilizzate, fornite dai fabbricanti, e sull'osservazione delle specifiche pratiche di lavoro,

oppure attraverso una misurazione. Come elementi di riferimento possono essere

utilizzate anche le banche dati dell'ISPESL e delle regioni contenenti i livelli di esposizione

professionale alle vibrazioni.

2. Misurazione.

Qualora si proceda alla misurazione:

a) i metodi utilizzati possono includere la campionatura, purché sia rappresentativa

dell'esposizione di un lavoratore alle vibrazioni meccaniche considerate; i metodi e le

apparecchiature utilizzati devono essere adattati alle particolari caratteristiche delle

vibrazioni meccaniche da misurare, ai fattori ambientali e alle caratteristiche

dell'apparecchio di misurazione, conformemente alla norma ISO 5349-2 (2001);

b) nel caso di attrezzature che devono essere tenute con entrambe le mani, la

misurazione è eseguita su ogni mano. L'esposizione è determinata facendo riferimento al

più alto dei due valori; deve essere inoltre fornita l'informazione relativa all'altra mano.

3. Interferenze.

Le disposizioni dell'articolo 4, comma 6, lettera d), si applicano in particolare nei casi in cui

le vibrazioni meccaniche ostacolano il corretto uso manuale dei comandi o la lettura degli

indicatori.

4. Rischi indiretti.

 

 

Le disposizioni dell'articolo 4, comma 6, lettera d), si applicano in particolare nei casi in cui

le vibrazioni meccaniche incidono sulla stabilità delle strutture o sulla buona tenuta delle

giunzioni.

5. Attrezzature di protezione individuale.

Attrezzature di protezione individuale contro le vibrazioni trasmesse al sistema manobraccio

possono contribuire al programma di misure di cui all'articolo 5, comma 2.

B. Vibrazioni trasmesse al corpo intero.

1. Valutazione dell'esposizione.

La valutazione del livello di esposizione alle vibrazioni si basa sul calcolo dell'esposizione

giornaliera A (8) espressa come l'accelerazione continua equivalente su 8 ore, calcolata

come il più alto dei valori quadratici medi delle accelerazioni ponderate in frequenza,

determinati sui tre assi ortogonali (1,4awx, 1,4awy, 1awz, per un lavoratore seduto o in

piedi), conformemente ai capitoli 5, 6 e 7, all'allegato A e all'allegato B della norma ISO

2631-1 (1997).

La valutazione del livello di esposizione può essere effettuata sulla base di una stima

fondata sulle informazioni relative al livello di emissione delle attrezzature di lavoro

utilizzate, fornite dai fabbricanti, e sull'osservazione delle specifiche pratiche di lavoro,

oppure attraverso una misurazione. Come elementi di riferimento possono essere

utilizzate anche le banche dati dell'ISPESL e delle regioni contenenti i livelli di esposizione

professionale alle vibrazioni.

Per quanto riguarda la navigazione marittima, si prendono in considerazione solo le

vibrazioni di frequenza superiore a 1 Hz.

2. Misurazione.

Qualora si proceda alla misurazione, i metodi utilizzati possono includere la campionatura,

purché sia rappresentativa dell'esposizione di un lavoratore alle vibrazioni meccaniche

considerate. I metodi utilizzati devono essere adeguati alle particolari caratteristiche delle

vibrazioni meccaniche da misurare, ai fattori ambientali e alle caratteristiche

dell'apparecchio di misurazione. I metodi rispondenti a norme di buona tecnica si

considerano adeguati a quanto richiesto dal presente punto.

3. Interferenze.

Le disposizioni dell'articolo 4, comma 6, lettera d), si applicano in particolare nei casi in cui

le vibrazioni meccaniche ostacolano il corretto uso manuale dei comandi o la lettura degli

indicatori.

4. Rischi indiretti.

Le disposizioni dell'articolo 4, comma 6, lettera d), si applicano in particolare nei casi in cui

le vibrazioni meccaniche incidono sulla stabilità delle strutture o sulla buona tenuta delle

giunzioni.

5. Prolungamento dell'esposizione.

Le disposizioni dell'articolo 4, comma 6, lettera g), si applicano in particolare nei casi in

cui, data la natura dell'attività svolta, un lavoratore utilizza locali di riposo e ricreazione

messi a disposizione dal datore di lavoro; tranne nei casi di forza maggiore, l'esposizione

del corpo intero alle vibrazioni in tali locali deve essere ridotto a un livello compatibile con

le funzioni e condizioni di utilizzazione di tali locali.

 

Antivibranti

Turbo-Air

Aspiratore

Trasportatore

Vibratori

Prestole

Home

Eurotools S.r.l. Via Papa Giovanni XXIII, 18 - 23862 Civate (LC)

Tel. +39 - 0341 210472 - Fax +39 - 0341 219057 – e-mail: info@eurotools.it